Teatro in inglese a.s. 2018-19

Progetto didattico per le classi prime.
Il gioco drammatico (fatto di corpo in movimento, azione, gesto, parola) pone l’individuo al centro della propria corporeità ed espressività,in un contesto relazionale.
Attraverso l’esperienza sensoriale, emotiva e corporea che un pre-adolescente vive con il gruppo, egli acquisisce, rafforza, amplia e integra la percezione che ha del mondo e di sé.
L’adoloscente recupera il proprio vissuto emotivo, lo esprime e lo confronta con gli altri e, in questo modo, ha l’opportunità di riconoscerlo, comprenderlo e farlo proprio.

Obiettivi generali e competenze relativi al percorso teatrale:
– Riconoscere, sperimentare e familiarizzare con gli elementi base del linguaggio teatrale (gesto, movimento, suono, parola, immagine) insieme agli elementi base del movimento e dell’espressione corporea (azione – spazio – dinamica – relazione)
– Imparare a organizzare la progettualità creativa individuale e di gruppo, in forme e composizioni elaborate consapevolmente
– Utilizzare il teatro come ponte di collegamento tra aree disciplinari

Obiettivi generali e competenze relativi alla lingua inglese:
Il progetto si propone di sostenere il processo di consapevolezza linguistica e di sviluppo di language skills comunicative, con particolare focus all’acquisizione di nuovo vocabolario e alla comprensione e produzione di semplici dialoghi.
Concentrando l’attenzione sulle proposte ludico/interattive, la comprensione orale e l’apprendimento linguistico avvengono in maniera spontanea e creativa.

– “Lo scopo di qualsiasi insegnamento della lingua straniera dovrebbe essere quello di trasformare l’apprendimento tipico della lingua straniera in «acquisizione» tipico della lingua materna. Poiché questo è quasi impossibile bisognerebbe cercare di rendere più naturale l’apprendimento e questo può forse essere fatto attraverso il gioco”.
– “Nei Nuovi Programmi si afferma che l’educazione linguistica, ricondotta nell’ambito dei linguaggi, debba privilegiare forme di linguaggio non verbali come l’iconico, il musicale, il corporeo, ecc.. Il punto di partenza deve quindi tener conto sempre e comunque dell’esperienza e degli interessi del bambino e deve essere quindi fondato sul gioco”.

(PROGETTO ALIAS: APPROCCIO ALLA LINGUA ITALIANA PER ALLIEVI STRANIERI – www.unive.it/progettoalias)

Il progetto si sviluppa prevalentemente in classe tra settembre e novembre, con un lavoro sul testo prescelto, la trama, i personaggi, e tra dicembre e maggio presso il salone teatro della scuola.
Nell’ultima settimana di scuola è previsto uno spettacolo, aperto alle famiglie.

I testi di riferimento sono da William Shakespeare.

  • Date 23 Ottobre 2019
  • Tags Progetti